Reti di smarrimento

Accediamo tutti, prima o poi, a una realtà chiamata mondo.
Un paesaggio vasto e desolato, tinto di speranze e di innocenti aspettative.

Siamo lì, con le mani oscillanti, trasportati da un vortice di formale smarrimento.
Una realtà dove ognuno di noi riesce ad apparire, pur nascondendosi.

Chi non emerge, infatti, è comunque osservato e catalogato come essere, pur vivendo naturalmente come un essere celato.

E’ come un mondo di piccole strade collegate a vie intermedie, e a ognuno di noi è chiesto di spostarsi giorno dopo giorno. Una rete che ci cattura ad ogni impronta.

A volte poi si sbaglia strada, si tenta di sfuggire alla successiva, ma ne è inevitabile l’incontro.
Ogni uomo si dimentica spesso una via ormai lontana, pur mantenendone il sorriso regalato da chi vi abitava.

E in questo piccolo ma ingente mondo di strade, incontri e confronti, mai nessuno è poi cosi tanto attento nel memorizzarne i colori.

sdsg

Golconda (1953) – René Magritte

Annunci

17 thoughts on “Reti di smarrimento

  1. “E in questo piccolo ma ingente mondo di strade, incontri e confronti, mai nessuno è poi cosi tanto attento nel memorizzarne i colori.” …. molto bello

  2. Ho scoperto solo oggi il tuo blog e ho letto quasi tutto…questo lavoro è il mio preferito direi..mi piace molto lo stile così “morbido” e delicato, le figure un po’ ermetiche che disegni,, e la riflessione sull’esistenza e l’inevitabile smarrimento.
    Davvero complimenti! A presto!
    E.

    • Uno dei lavori a cui tengo di più…grazie mille per le gentili parole.
      Sono pensieri che mi appartengono, riflessioni che si posano e si trasformano in racconti, in suggestioni.
      Piano piano cerco di modellarli in modo delicato, cosi da non violarli.
      Apprezzo molto chi riesce ad emozionarsi, o a comprenderne il significato.
      Grazie ancora!

      Un saluto!

  3. Semplicemente bella, le parole:
    “Ogni uomo si dimentica spesso una via ormai lontana, pur mantenendone il sorriso regalato da chi vi abitava.
    E in questo piccolo ma ingente mondo di strade, incontri e confronti, mai nessuno è poi cosi tanto attento nel memorizzarne i colori” .

    Così vera…, ma delicata! Complimenti

  4. Pingback: SABATOBLOGGER 15 – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...